Milano o le 120 giornate di sudore

Pasolini avrebbe intitolato così  questo report. Le giornate a dir la verità son state 2 ma il sudore versato ne è valso per 120.
I nostri Blot e Layne approdano a Milano con le loro biciclette proprio nel giorno in cui pedalare equivale ad avere un phon che ti spara aria calda in faccia senza pietà.
L’obiettivo è arrivare la sera al Magnolia per il concerto dei Fucked Up. Rapido salto alla Lomography, (un grazie Elisa per tutto quanto, anche per la granita), qualche giro per negozi a cercare frescura e aperitivo gigante sui Navigli.
Con ancora pezzi di salsiccia e brie si parte in direzione Magnolia. La pedalata è di quelle appesantite anche grazie al pavé milanese, ai taxi in viale Forlanini che giocano a chi si avvicina di più ai nostri manubri, e ovviamente, concedetimi di ripeterlo, al caldo soffocante che non smette un attimo di farci grondare le tempie.
La serata è free e il pubblico milanese se la prende con calma ad arrivare. Noi nel frattempo conosciamo i Fucked Up e ci concediamo qualche scatto e qualche birra in compagnia di Mattia aka Hellfire Booking.
Finalmente Damian e soci salgono sul palco e inizia lo show. Come da copione la t-shirt XXXXL è la prima cosa che salta via e mostra ai presenti una splendida pelliccia fronte e retro. Lui non sta fermo un attimo, salta, strilla, stritola persone, suda, importuna le persone, si concede a foto ricordo, gioca a calcetto, fa la lap dance, tutto rigorosamente mentre il gruppo suona diligentemente sul palco. Lo spettacolo visto devo dire che è unico nel suo genere e le risate e i sorrisi sui volti del pubblico accostati alla violenza della musica sono un ossimoro piacevole da contemplare (ammazza che frase che mi è uscita!).
Si riprendono le bici e si ricomincia a sudare pesantemente, cosa che persisterà per tutta la notte e il giorno successivo. Ma il viaggio per arrivare a casa è ancora lungo  e le insidie sono molte.
Sveglia con un funerale sotto la finestra, defecata fast and furious nei bagni di decathlon, pranzo alle 11.30 a base di sushi e trenitalia che come sempre non si smentisce mai e ci mette mille ore per “guasti tecnici”..

2 pensieri su “Milano o le 120 giornate di sudore

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...